Login
Password

> se non hai user e password contattaci

Home > Allergie

Allergie e Domande frequenti


Copertina Cucina per gli allergici

Marina Braga -
In cucina con gli allergici al nichel - 2011
Visualizza l'indice
Download

DOMANDE FREQUENTI:

DA ALCUNI ANNI SOFFRO DI UNA RINITE ALLERGICA, LIMITATA SOLTANTO AL PERIODO DI MARZO-LUGLIO. NELLE PROVE ALLERGICHE RISULTO SENSIBILE A PARIETARIA E DERMATOFAGOIDI. TUTTAVIA QUANDO SONO IN AMBIENTI RICCHI DI POLVERE NON HO NESSUN SINTOMO DI RINITE. LO SPECIALISTA MI HA SUGGERITO UN VACCINO SOLO PER LA PARIETARIA.
I risultati delle prove allergiche non indicano sempre una malattia ma uno stato di sensibilità. La sua rinite allergica limitata alla primavera - inizio estate è causata dalla allergia alla Parietaria, la terapia va improntata verso l’allergene principalmente responsabile della sintomatologia, corretto il consiglio dell'allergologo di iniziare un vaccino per la Parietaria.


DA ANNI SONO ALLERGICA AGLI ACARI, ADESSO SCOPRO DI ESSERLO A PELO DEL GATTO, GRAMINACEE, FIORI DELL’OLIVO. PERÒ NESSUNA DI QUESTE ALLERGIE MI HA CAUSATO GUAI: PERCHÉ? E I VACCINI SERVONO?
Quando in un soggetto sono presenti specifiche risposte del sistema immunitario nei confronti di sostanze con un potere allergenico, gli allergologi parlano di «sensibilizzazione allergica». La «positività» ai test non fa altro che riscontrare l’esistenza di questa sensibilizzazione e cioè la presenza, nell’organismo, di particolari anticorpi verso alcune sostanze dotate di potere allergenico. Non sempre però la presenza di tali anticorpi si associa alla comparsa di sintomi a seguito dell’esposizione a tali sostanze.

E affinché si possa parlare di un’allergia vera e propria la sintomatologia rappresenta invece un requisito fondamentale. L’assenza attuale di sintomatologia in presenza di sensibilizzazione non esclude però che in futuro la condizione clinica latente si possa esprimere in modo conclamato. L’immunoterapia specifica desensibilizzante, ovvero i vaccini per gli acari della polvere esistono, sono da somministrare per via iniettiva o orale (in compresse e in gocce) e, se sono assunti in maniera costante, permettono di ottenere una sensibile riduzione della sintomatologia e un conseguente miglioramento della qualità della vita. Sono anche molto sicuri e ben tollerati.

LINK UTILI:

www.apaitalia.it

www.sidapa.it